MontevarchiNotizie

Montevarchi, il Pd attacca il sindaco: "Un quinto dirigente e 100mila euro di spese in più. Amministrazione incapace"

Il gruppo consiliare del Partito Democratico contro la Chiassai: "E' distratta dalla carriera politica e dalla voglia di apparire"

Un nuovo dirigente comunale, lo statuto da modificare e 100mila euro annue di spese aggiuntive per il Comune. Il Partito Democratico di Montevarchi non ci sta e contesta apertamente la decisione del silndaco Silvia Chiassai. Questa la dura nota firmata dal Pd.

Ecco spiegata la grande fretta di poche settimane fa del sindaco Chiassai nel modificare lo statuto comunale senza alcun rispetto dello statuto stesso e del consiglio comunale. Il sindaco Chiassai vuole e pretende un nuovo costoso dirigente comunale, come risulta dal bando appena pubblicato. Non come qualche solerte consigliere di maggioranza ha detto e scritto una modifica imposta dalla legge, ma la sola volontà del capo, da assecondare e perseguire. E così Montevarchi si troverà presto con il suo quinto dirigente entrando di diritto nel guinness dei primati. Con questa mossa il sindaco Chiassai, distratta dalla propria carriera politica e voglia di apparire, vorrebbe risollevare la propria assente attività nell'ambito dei lavori pubblici del tutto congelati.

Il problema non è però che a Montevarchi manchino un dirigente e validi funzionari tecnici per far funzionare i lavori pubblici, ciò che non c'è, e questa scelta lo conferma, è la capacità e forse la volontà di programmare lavori pubblici e soprattutto finanziarli. In due anni e mezzo questa amministrazione non ha saputo intraprendere alcun progetto per la città se non gloriarsi a dismisura dei pochi lavori fatti da gestori di servizi. Niente risoluzione dei problemi a frane, scuole e impianti sportivi, anzi situazioni che si aggravano come la chiusura senza prospettive della scuola di Levanella e dell'auditorium.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Senza contare i costi che una simile assunzione porterà per le casse comunali: ben oltre 100mila euro all'anno. Altre risorse sottratte agli investimenti e alle manutenzioni, impedendo l'assunzione degli operai che servono al cantiere comunale, con buona pace del programma elettorale del sindaco e di chi lo scrisse, dove si millanta la "riduzione dei dirigenti comunali", "la razionalizzazione del numero dei dirigenti comunali" e soprattutto "la riduzione dei costi dei dirigenti comunali". Siamo curiosi di scoprire cosa scriverà su questo punto il sindaco Chiassai nella sua relazione di fine mandato e come potrà giustificare alla cittadinanza questa assurda "emergenza assunzionale". #tuttaunaltrastoria davvero!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento