MontevarchiNotizie

Montevarchi, Festa della Toscana ricordando l'alluvione di Firenze

Il Consiglio Comunale di Montevarchi è stato convocato ieri in seduta straordinaria per celebrare la Festa della Toscana, dedicata questo anno al 50° anniversario dell’alluvione del 1966. Si è tenuto in seduta aperta alla partecipazione di tutta...

Il Consiglio Comunale di Montevarchi è stato convocato ieri in seduta straordinaria per celebrare la Festa della Toscana, dedicata questo anno al 50° anniversario dell’alluvione del 1966. Si è tenuto in seduta aperta alla partecipazione di tutta la cittadinanza. Nell’occasione sono stati consegnati riconoscimenti ai cittadini meritevoli per fatti ed azioni occorse durante i difficili giorni della calamità. Un’ attestazione pubblica verso coloro i quali nel tempo hanno fatto in modo di mantenere vivo il ricordo di un evento che ha colpito in modo significativo la comunità di Montevarchi. Come ogni anno, la Festa della Toscana, anche se legata ad un tema specifico, celebra l'anniversario della riforma penale promulgata, nel 1786, dal Granduca Pietro Leopoldo di Lorena. Con questa riforma, la Toscana divenne il primo Stato in cui si abolì la pena di morte, il reato di tortura e ogni forma di vessazione contro prigionieri e condannati, imponendo al mondo un’altra idea di giustizia. Il 30 novembre è stata una data fondamentale non solo per il Granducato di Toscana, è stato il primo giorno di una storia nuova per tutti gli uomini che credono nei diritti civili. Oltre alla riforma penale, Pietro Leopoldo di Lorena si distinse anche per un nuovo modello di sviluppo economico delle città toscane, delle infrastrutture, delle bonifiche, anche con la risoluzione di problemi idraulici. La seduta del Consiglio comunale di Montevarchi non ha avuto carattere deliberatorio, ma è stata incentrata unicamente sul tema del 50 anniversario dell’alluvione. Secondo le notizie di cronaca del 1966, le esondazioni provocarono danni ingenti per la città di Montevarchi, dopo 4 giorni di pioggia incessante: circa 1 miliardo e 200 milioni di vecchie lire, con 700 aziende messe in ginocchio. Cominciò quindi un’opera capillare di ricostruzione. Questi i nominativi dei cittadini ai quali sono stati consegnati i riconoscimenti da parte del vice sindaco Luciano Bucci e del Presidente del Consiglio comunale Claudio Rossi: Roberto Ceccherini, in memoria del padre Giuseppe Ceccherini, per aver prodotto e conservato per 50 anni la preziosa registrazione del giornale radio in cui si annunciavano le prime notizie sull’alluvione di Montevarchi; Leonello Picchioni, Marco Rotesi, in rappresentanza della famiglia Rotesi, in memoria di Gastone Rotesi, per la ricca documentazione fotografica prodotta nei giorni dell’alluvione; Cristina Ulivieri, in memoria del padre Mario Ulivieri, per aver prodotto e conservato per 50 anni la preziosa testimonianza video della furia delle acque presso la diga di Levane; Pierluigi Pierazzini, Rino Vanzi, Maria Uggeri, Antonio Garofalo, Edo Baldetti, per l’impegno ed il forte contributo offerto alla cittadinanza in merito alla gestione dell’emergenza e per il successivo ritorno di Montevarchi alla normalità; Pietro Falagiani, primo Sindaco dopo l’alluvione, per l’impegno profuso in favore della ricostruzione di Montevarchi; a Enzo Righeschi e Massimo Anselmi per la passione, cura e impegno dimostrati nell’organizzazione della mostra “L’alluvione del 3-4 novembre 1966”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento