MontevarchiNotizie

Teatro Impero, Chiassai ai privati: "Impegnati 200mila euro pubblici, la proprietà si scusi per il degrado"

"Nel 2009 è stata creata l’apposita società Gelsomino Srl per l’acquisto del teatro in accordo con l’allora amministrazione per l’avvio di una operazione immobiliare non andata a buon fine".

Il sindaco Silvia Chiassai Martini interviene ancora sul Teatro Impero ribadendo che solo l’attuale amministrazione comunale si è presa l’onere di risolvere un pasticcio di dieci anni con un intervento di 200mila euro di risorse pubbliche su di un immobile privato.

“Le critiche mosse dai privati a questa amministrazione comunale non rispecchiano la realtà – afferma il sindaco Chiassai Martini -. Per loro stessa ammissione, nel 2009 è stata creata l’apposita società Gelsomino Srl per l’acquisto del teatro in accordo con l’allora amministrazione per l’avvio di una operazione immobiliare non andata a buon fine.  Il Comune avrebbe preso possesso della struttura una volta concretizzato il cofinanziamento regionale per gli interventi legati al Piuss. E’ bene precisare che l’amministrazione chiamata a rispettare l’accordo era quella del sindaco Grasso, ma dal 2013 in poi, non ha fatto nulla per ricevere le risorse regionali. L’ex sindaco, come abbiamo avuto modo di dimostrare, ha perso il finanziamento probabilmente perché non era in grado di sostenere il 40 per cento della quota relativa alla parte comunale. L’attuale amministrazione ha dovuto prendere atto che contributi, risorse e bandi regionali non c’erano più e quindi venivano meno le condizioni di quell’accordo. Credo che la proprietà dell’Impero sia invece tenuta a chiedere scusa alla comunità in quanto, nel tentativo di concretizzare un investimento privato, si è creato degrado alla città per colpa di un immobile lasciato all’incuria, senza provvedere neppure al rispetto delle ordinanze emesse sui lavori di bonifica dal cemento amianto. Si è dovuti arrivare alla sentenza del Tar della Toscana e all’intervento della Procura della Repubblica per evitare rischi all’incolumità pubblica. Ribadisco che questa amministrazione comunale, seguendo l’iter di legge, è stata l’unica che si è presa l’onere di risolvere un pasticcio che trascina da dieci anni causato dagli ex amministratori e dai privati, andando a impegnare 200mila euro per un immobile che non è di proprietà pubblica. Noi abbiamo voluto ricostruire una vicenda in cui un immobile storico, patrimonio affettivo di generazioni di montevarchini, è stato utilizzato come “contropartita” di un’operazione immobiliare finalizzata all’individuazione di un’area di trasformazione residenziale dove approdare la capacità edificatoria di 2200 metri quadrati. Un accordo che non si è concluso per l’inadempienza di Grasso che ha prodotto problemi economici alla proprietà e danni alla comunità in termini di sicurezza e di decoro. Adesso ci troviamo nella condizione di dovere sanare, con i soldi dei cittadini, questa ferita. Inoltre, in questi anni abbiamo avuto diversi incontri con i privati e la loro rappresentanza legale che non sono stati risolutivi e non per la mancanza di volontà di questa amministrazione”.     

Potrebbe interessarti

  • Sigarette addio: trucchi e consigli per smettere di fumare

  • Le Vertighe: la storia del santuario e dell'immagine di Maria, patrona dell'autostrada

  • Prima di partire per un lungo viaggio...non dimenticare queste 8 cose

  • Come pulire il pelo dei nostri amici a quattro zampe. I consigli

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • E' morta Nadia Toffa, l'abbraccio di Jovanotti: "Bastava un attimo per volerti bene"

  • Schianto tra due auto, feriti due ventenni

  • Trovato all'alba in piazza Sant'Agostino il 33enne scomparso

  • Cade dalle scale di un locale, grave un 66enne

  • Che Arezzo: la Roma vince 3-1, ma solo nella ripresa

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento