MontevarchiNotizie

Al via il cantiere per la riqualificazione dei giardini Margherita

Il costo complessivo dell’intervento è di 90mila euro, di cui 54mila euro ottenuti tramite un finanziamento regionale che ha ritenuto il progetto strategico per la valorizzazione ambientale e per ricostruire la relazione tra comunità e fiume

L’emergenza Covid non ha bloccato i progetti di recupero delle aree di Montevarchi, malgrado due mesi di lockdown. E’ partito il cantiere per la “Riqualificazione dei Giardini Margherita”, presso il parco fluviale lungo l’Arno, che necessitava da anni di lavori di sistemazione finalizzata ad una maggiore funzionalità. Per questo motivo l’Amministrazione Chiassai Martini ha voluto la realizzazione di un percorso running, area fitness per svolgere attività ginnica all’aperto con apposite attrezzature, aree relax con panchine e parco giochi per i bambini, oltre ad una nuova illuminazione che renderà la zona anche più sicura. Il costo complessivo dell’intervento è di 90.000 euro, di cui 54.000 euro ottenuti tramite un finanziamento regionale che ha ritenuto il progetto strategico per la valorizzazione ambientale e per ricostruire la relazione tra comunità e fiume, mentre gli altri 36.000 euro sono stati impegnati direttamente dalle casse del Comune.

 “Un progetto che si concretizza con l’obiettivo di rendere più fruibili le aree della nostra città attraverso un’operazione mirata di riqualificazione. Fino dagli anni ’70, la zona dell’Arno è un punto di riferimento per lo svago e il passeggio della cittadinanza. Abbiamo scelto una soluzione che si armonizzasse il più possibile con questa finalità e con il contesto ambientale, prevedendo una prima zona dedicata alla collocazione di nuovi giochi per i bambini; mentre nell’altra sarà realizzato un circuito di 140 metri  che collegherà i vari  punti di accesso agli attrezzi fit- gym e alle panchine dislocate su tutta l'area. Sarà realizzato anche un percorso pedo- ciclabile che collegherà viale Matteotti alla Colonia e uno che collegherà la Colonia e via Piave garantendo sempre la piena accessibilità a tutti nel rispetto dell’abbattimento della barriere architettoniche. Per l’utilizzo dell’area anche nelle ore notturne, saranno installati altri tre nuovi punti luce. E’ un progetto che in questo momento storico, caratterizzato dagli effetti delle pandemia, diventa molto importante anche in prospettiva per l’utilizzo sempre più consigliato degli spazi esterni, mettendo al centro il benessere della persona, il cui recupero è incentrato sulle nuove opportunità di condurre stili di vita più salutari. Abbiamo lavorato in questi mesi per concretizzare le tante sollecitazioni raccolte dai cittadini che chiedevano una riqualificazione dell’area, considerata un pezzo della nostra storia e della nostra gioventù. Il nuovo allestimento ludico – sportivo, ad uso gratuito, rappresenterà un valore aggiunto per tutta la zona pensata soprattutto per i giovani e bambini che hanno dovuto sopportare mesi di isolamento sociale. Con grande grande senso di responsabilità, dobbiamo riuscire a coinvolgere nuovamente la cittadinanza per ripartire in sicurezza anche attraverso un sano svago”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento