MontevarchiNotizie

Prima Montevarchi difende Silvia Chiassai dagli attacchi del Pd

Prima Montevarchi scende nel dibattito politico per difendere la sindaca Silvia Chiassai intervenuta come presidente della Provincia all'assemblea nazionale di Anci

Prima Montevarchi scende nel dibattito politico per difendere la sindaca Silvia Chiassai intervenuta come presidente della Provincia all'assemblea nazionale di Anci.

La Federazione aretina del Pd alla ricerca della identità perduta, si lancia nuovamente nella  campagna contro il sindaco e presidente della Provincia Silvia Chiassai Martini, rea di aver fatto fare un figurone a tutti i suoi concittadini e al territorio parlando di fronte al Presidente della Repubblica. Usando il solito linguaggio farneticante e poco politico, cercano ancora di dipingerla come un difensore degli estremisti, mai sufficientemente antifascista, da annoverare tra tutti i pericolosi nemici della democrazia che arrogantemente, in questo paese, pare sia rappresentata e difesa solo dal PD. Si domandino però questi "paladini" della democrazia quale è il partito che per primo non vuole le elezioni per paura delle urne e del popolo sovrano. Questi del PD ci fanno ridere a crepapelle, perché Silvia Chiassai Martini sale costantemente alla ribalta della politica locale e nazionale grazie al consenso “nuovo” che gli arriva anche dal popolo di sinistra, e non solo per i voti che ha preso a Montevarchi per diventare Sindaco, ma –sorprendentemente- proprio dai Consiglieri e Sindaci di sinistra che gli hanno anche consentito di diventare Presidente della Provincia.  È salita ai vertici dell’ UPI - ”Unione Province italiane" mettendo d'accordo i presidenti di Provincia di sinistra e poi è stata nominata vicepresidente con delega all'istruzione e all'edilizia scolastica dal Presidente dell’UPI Michele de Pascale, uomo del Pd. Com'è che agli eletti del Pd piace Silvia Chiassai Martini? Solo perchè è una bella donna o perchè ha qualità importanti per una donna in politica ed è libera da tessere di partito? Il PD aretino cominci invece a spiegare ai propri elettori la denigrazione continua e le accuse di basso profilo verso Silvia Chiassai Martini che viene apprezzata e votata da gente di sinistra e dai propri Eletti.  Le è stato chiesto e permesso di parlare davanti al Presidente della Repubblica, anche se il Comune di Montevarchi non aderisce all'ANCI, ma è arrivato poi il PD aretino a "illuminarci di immenso" su cosa non doveva essere fatto. E visto che ci sono, i capi del PD aretino spieghino anche agli elettori come mai, essendo il PD al Governo del Paese, se vuole bandire i partiti di estrema destra non fa una Legge per chiudere le sedi di Forza Nuova e della Fiamma Tricolore in tutta Italia, se ritiene che questo sia indispensabile per la democrazia. Lo facciano: hanno poteri e numeri.  Come mai dovrebbe essere chiusa di imperio la sede di Forza Nuova solo a Montevarchi? Perchè il Sindaco non è del PD? La loro incoerenza si mescola al terrore di perdere ancora consenso tra la gente che una volta li votava e che ora guarda con franchezza e speranza verso chi li sa ascoltare e rappresentare davvero. Silvia Chiassai Martini è una di questi amministratori, ed è tra i più capaci, tanto che ovunque è apprezzata e considerata anche da uomini e donne di sinistra. Altro che "sardine".  Che si mettano l’animo in pace questi del PD. Silvia ci sarà ancora a lungo perchè è voluta e apprezzata sopratutto dal popolo che fu tanto caro alla sinistra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio digitale terrestre, cambia tutto per i televisori: come attrezzarsi

  • Una tempesta ferma due treni, sfonda finestrini e ferisce i passeggeri. Maxi esercitazione in provincia di Arezzo

  • Incidente lungo la Regionale 71. Due giovani ferite

  • Delirio in fabbrica ad Arezzo: operaio impugna il martello contro il collega. Licenziato

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Runner 45enne in arresto cardiaco, ragazza in bici si ferma e gli fa il massaggio al cuore: salvato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento