MontevarchiNotizie

Il tempo per indossare la divisa deve rientrare nell'orario di lavoro? Il caso Coop finisce in consiglio comunale

L'esercizio di Montevarchi al centro di una polemica, il consigliere Allegrucci: "Sono soddisfatto per il riscontro ottenuto in Consiglio comunale, dove siamo giunti ad una condivisione unanime per fare chiarezza e sostenere dei lavoratori mobilitati"

E' giunta nel Consiglio comunale di Montevarchi la mobilitazione di 43 dipendenti Coop.Fi, negozio di Montevarchi, sul diritto per la vestizione e svestizione sul luogo di lavoro e le possibili conseguenze di carattere igienico-sanitario per la collettività. A portare in aula la discussione è stato il capogruppo di Prima Montevarchi Lorenzo Allegrucci, primo firmatario di una mozione sul tema, insieme ai capigruppo Francesca Lucchesini di Forza Italia e Tiziana Lombardi di Montevarchi In Salute. La seduta del Consiglio comunale ha visto ieri la composta e attenta partecipazione di una delegazione di circa 20 lavoratori Coop. Fi firmatari dell' esposto presentato anche alla Asl,  con una documentazione correlata e messa a conoscenza dei rappresentati del parlamento cittadino. Il risultato del dibattito in aula è stato una risoluzione condivisa e approvata all'unanimità, con 16 voti favorevoli dei consiglieri,  con un impegno ad approfondire la quesito per la salvaguardia e la tutela dell'igiene pubblica.

Nel merito è intervenuto l'autore dell'iniziativa, il consigliere Lorenzo Allegrucci:

Sono molto soddisfatto per il riscontro ottenuto in Consiglio comunale, dove siamo giunti ad una condivisione unanime per fare chiarezza e sostenere dei lavoratori mobilitati riguardo a una vicenda che ha quasi dell'incredibile. Mi sono sentito in dovere, come rappresentante dei cittadini, di accogliere la richiesta pervenuta dai lavoratori del negozio Coop. Fi di Montevarchi di coinvolgere il Consiglio comunale in merito al loro esposto presentato alla Asl Toscana Sud Est sulla conformità della nuove disposizioni regolamentari per l'attività di vestizione e svestizione sul posto di lavoro. La documentazione allegata alla richiesta evidenziava che con l'entrata in vigore di un nuovo regolamento, datato 15 marzo 2019, i  lavoratori, contrariamente al passato dove vigeva l'obbligo di indossare gli abiti da lavoro solo all'interno degli spogliatoi, potevano presentarsi tutti sul luogo di lavoro con la divisa già indossata, nel tempo, nel luogo e con le modalità prescelte. Sebbene la modifica si riferisca all'osservanza di un regolamento aziendale interno, quindi non di pertinenza di un consiglio comunale, mi sono attivato in quanto preoccupato per le possibili ripercussioni igienico sanitarie sull'interesse generale, con il rischio di contaminazioni con l'esterno. Una questione conosciuta di recente grazie all''interessamento diretto del Sindaco di Montevarchi silvia Chiassai Martini. Tra l'altro, ciò che mi ha meravigliato, è la cronologia dei fatti presentata dagli stessi lavoratori, in cui le modifiche regolamentari sarebbero immediatamente successive alla vertenza relativa al riconoscimento del "tempo tuta", i cosiddetti 10 minuti di vestizione e svestizione, con la condanna dell'azienda in terzo grado di giudizio presso la Corte di Cassazione. Una sentenza che ha prodotto però il perdurare di un netto rifiuto a considerare quel tempo compreso nell'orario di lavoro e con il sospetto, tramite le nuove disposizioni, di aggirare la sentenza stessa, lasciando le responsabilità di contaminazione al libero arbitrio del singolo dipendente e ricadenti sull'ignaro consumatore. Naturalmente, abbiamo constatato che il sopralluogo effettuato dalla Asl non abbia riscontrato alcuna non conformità o inadeguatezza collegata alla gestione degli indumenti da lavoro indossati all'interno degli spogliatoi, ma la risposta formulata dalla Asl non è  esaustiva in quanto, a nostro giudizio, non entra nel merito di ciò che avviene in uno scambio "non protetto" tra interno ed esterno del luogo di lavoro. Il lavoratore, infatti, avrebbe piena facoltà di arrivare al negozio con indosso la divisa che prima, casomai, ha indossato al cinema, in palestra o a passeggio. Per questo motivo con la risoluzione approvata, il Sindaco e la Giunta hanno il mandato del Consiglio comunale a porre in essere tutte le azioni necessarie di approfondimento, stimolando la Asl ad un parere più cogente rispetto alla questione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Io sto con Walter". Pioggia di adesioni, dopo Sofri arriva la solidarietà di Scanzi: "Tieni duro"

  • Schianto fra auto, sette feriti: bimbo di 4 anni gravissimo. Altri due bambini coinvolti

  • Lieve scossa di terremoto ad Arezzo: epicentro nella zona di Olmo

  • Schianto lungo la regionale 71: strada temporaneamente chiusa. Due feriti

  • Guida 2020 de L'Espresso: due ristoranti della provincia di Arezzo con il "cappello". Tutti i top della Toscana

  • Scossa di terremoto nell'Aretino: 2,7 gradi della scala Richter

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento