MontevarchiNotizie

Montevarchi: al via la riqualificazione di piazza Donatori di Sangue

Il sindaco Chiassai: "Orgogliosi del progetto sostenuto dalle aziende del territorio con l'obiettivo del decoro urbano e di una nuova visione della città"

Al via la riqualificazione di piazza Donatori di Sangue, con la trasformazione delle vasche vuote in tre aiuole, per rendere più accogliente un’area che rappresenta una porta di accesso alla città. Il progetto è stato promosso dall’Amministrazione Chiassai Martini ma sostenuto dalle aziende private del territorio grazie alle possibilità concesse dal regolamento sulle sponsorizzazioni. Sicures Srl, Ilaria Pericoli Atelier e Massini e Gori Srl si sono presi in carico la realizzazione delle opere e anche i costi di manutenzione fino al 2021, mentre la Floricoltura Extra di Bartolini Giovanni si occupa sinergicamente della fornitura del terriccio e della corteccia di pino per gli allestimenti.

“Un progetto importante di riqualificazione di piazza Donatori di Sangue – interviene il Sindaco Chiassai Martini – che afferma una visione diversa, moderna e più funzionale al decoro della città di cui l’Amministrazione comunale è particolarmente orgogliosa perché ancora una volta ha visto la collaborazione fattiva con i privati manifestando il loro impegno per la valorizzazione del patrimonio pubblico. Un esempio per tutti i cittadini. Abbiamo dovuto ripensare all’esistenza delle vasche con le fontane per problemi complessi e cronici di malfunzionamento dell’impiantistica già rilevati ben 4 anni fa. Per un intervento definitivo sul guasto all’impianto, le stime di spesa pervenute ai nostri uffici sono state di 50mila euro, a cui sommare i costi di 7.400 euro sostenuti ogni anno per la sola energia elettrica e altri 5.000 euro all’anno per la manutenzione ordinaria delle vasche. Non solo, abbiamo ascoltato i residenti che da anni lamentavano i disagi per il rumore prodotto dalle tre fontane e diversi episodi di uso indecoroso dell’acqua da parte delle persone. Le spese insostenibili sono una cruda realtà che un’amministrazione seria deve considerare gestendo il denaro pubblico e agendo in prospettiva. Ma tengo soprattutto a ribadire l’immagine nuova che la realizzazione delle aiuole darà a questo luogo di accesso e di incontro di Montevarchi ottenuto in perfetta sinergia con l’impegno e la generosità dei privati”.  

L’allestimento delle tre aiuole vedrà il posizionamento di 6 piante di Taxus Baccata, dell’altezza di circa 1 metro, tradizionalmente usate per realizzare i giardini all’italiana; 140 piante di Rosmarino prostrato; 180 piante di rose paesaggistiche, posizionate nel bottone centrale delle aiuole, mentre altre 70 piante di Abelia Rupestris, insieme al rosmarino, saranno collocate al perimetro delle tre opere. Già realizzato anche l’impianto di irrigazione per le piante.

Addio alle fontane davanti alla stazione. Pd: "Ricoperte di terra su disposizione del sindaco"
 

Potrebbe interessarti

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • Ragno violino, come riconoscerlo e come difendersi dal morso

  • Lo zenzero fa bene, ma non sempre: quando e perché non va consumato

  • I 5 errori da evitare quando si arreda casa

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Va a sbattere contro un muro: soccorso con Pegaso

  • Schianto all'alba in Valdichiana. Due feriti, uno è in gravi condizioni

  • Ragno violino, come riconoscerlo e come difendersi dal morso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento