MontevarchiNotizie

I grandi marchi della moda si sono incontrati alla convention di Italiana Accessori a Montevarchi

Tre giorni di Open House presso l'azienda leader nella produzione di applicazioni, decorazioni e componenti per l’industria delle confezioni, pelletteria e calzature. Presi contatti per collaborazioni con le aziende della zona

Rappresentanti di griffe della moda nazionali ed estere si sono incontrate all’Open House di Italiana Accessori di Montevarchi, azienda leader nella produzione di applicazioni e decorazioni e componenti per l’industria delle confezioni, pelletteria e calzature.

Circa 220 invitati di importanti brand – tra gli altri Gucci, Versace, Mcqueen, Prada, Ferragamo, D&G, Miu Miu, Stella McCartney, Celine, Yves Saint Laurent - hanno preso parte alla tre giorni (29, 30 e 31 maggio 2019) presso la sede dell’azienda montevarchina. Una convention giunta quest’anno alla decima edizione. Per l’occasione il titolare della società, Rudi Migliorini, ha invitato al Fashion Show di giovedì sera - momento clou dell’Open House - altre imprese di settore della provincia di Arezzo (alcune già sue partner), affinché anche queste realtà dell’artigianato di qualità potessero essere viste dalle grandi firme come un team di lavoro e di proposta, ognuna con le proprie competenze mostrando loro i propri capi e intrecciando relazioni per future collaborazioni. 

Un gesto di apertura nei confronti dei colleghi del settore nello spirito di condivisione delle opportunità lavorative, con l’intento di sviluppare partnership tra le stesse aziende del comparto e tra queste e le grandi griffe. Già si stanno prendendo contatti tra le varie società per valutare in concreto immediate collaborazioni e futuri obiettivi.

“Mettere insieme tante persone appartenenti a griffe diverse e farle sedere accanto in un clima di festa non era una cosa scontata ma tu ci sei riuscito. È stata una cosa unica. Questo è stato il più bel complimento che ho ricevuto al termine della sfilata da uno dei rappresentanti di un noto brand della moda” afferma Rudi Migliorini. “Il nostro impegno nell’organizzazione dell’Open House è stato ripagato nel migliore dei modi e la proposta di essere luogo di incontro tra le parti è stata ampiamente apprezzata. La nostra speranza – conclude Migliorini - è che questa iniziativa possa essere la prima di una serie per promuovere il distretto della moda della provincia di Arezzo in uno spirito di collettiva con un ritorno di vantaggi per tutti”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Siamo increduli e addolorati, Federico conosce solo il lavoro". Così gli amici di Ferrini, accusato di omicidio

  • Pensionato trovato morto in un oliveto: dramma in Valdichiana

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Batterio New Delhi: un caso nell'Aretino. Il monitoraggio e la prevenzione in Toscana

  • "Dormivamo, ci sono entrati in casa e hanno rubato", il racconto. Aumentano le segnalazioni: controlli straordinari

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento