MontevarchiNotizie

Il sindaco di Montevarchi scrive a Poste e Inps: "Code estenuanti, così non va"

Silvia Chiassai lamenta disservizi: "Continuano a verificarsi lunghe file all’esterno delle sedi una condizione che causa disagi e pericolosi assembramenti"

Il sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini scrive a Poste Italiane Spa e Inps per chiedere "un intervento immediato sui disservizi che perdurano ormai da troppe settimane e che stanno generando file quotidiane di persone davanti agli uffici, costrette ad estenuanti attese prima di entrare", spiega una nota dell'amministrazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ormai da mesi, già durante la fase 1 dell’emergenza sanitaria – afferma il sindaco – continua a verificarsi la formazione quotidiana di lunghe code all’esterno delle sedi di Poste italiane e Inps, una condizione che, oltre a causare pericolosi assembramenti durante una pandemia non ancora conclusa, rappresenta un preoccupante disservizio e un disagio soprattutto nei confronti degli anziani, considerati la fascia di popolazione più esposta ai rischi e alle conseguenze del contagio senza considerare il disagio per un’attesa prolungata e in piedi del proprio turno. Mi sono rivolta direttamente ai responsabili di questi enti affinché si attivino a trovare una soluzione urgente ad una situazione irresponsabile, prevedendo una riorganizzazione degli uffici con una riapertura in sicurezza e con fasce orarie più ampie al fine di garantire un accesso al servizio accettabile e che non esponga le persone ad inutili rischi per la salute pubblica. Ho chiesto anche di conoscere il motivo di una chiusura ad oltranza, e l’urgente riapertura, dell’Ufficio postale situato in Viale Diaz che costringe i cittadini a recarsi presso l’unica sede aperta in città contribuendo all’aumento del disservizio, dei disagi e dei tempi di attesa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento