MontevarchiNotizie

Chiassai: "Voglio spiegazioni nero su bianco sul macchinario Menarini"

Il sindaco di Montevarchi: "Questo sembra il primo caso in cui un'Asl mette in discussione la strumentazione. Voglio capire perché il macchinario non risulta adeguato"

Agli inizi del mese ci sono stati dei problemi di falsi positivi al Covid che hanno messo sotto osservazione il macchinario Menarini che da quel momento è stato ritirato per proseguire con l'aggiornamento dello strumento. Da quel giorno si è aperto un botta e risposta tra l'Asl e il comune di Montevarchi.

Il sindaco Silvia Chiassai Martini scrive al direttore della Asl sul macchinario Menarini: “La comunità ha diritto ad una risposta chiara per una donazione che all’improvviso non è più ritenuta “idonea”. Stiamo perdendo tempo prezioso e abbiamo un altro macchinario pronto per la nostra Rsa”.

Nei giorni scorsi il direttore sanitario Antonio D'Urso era rimasto rammaricato dalle dichiarazioni del sindaco Chiassai dichiarando che "il metodo giusto è individurare il problema e risolverlo, proprio quello che stiamo facendo insieme a Menarini".

Non si è fatta attendere la risposta del primo cittadino di Montevarchi.

“Come sindaco, insieme alla nostra comunità  – afferma Silvia Chiassai Martini -  mi sono mossa, anche se non era di mia competenza, nella ricerca di uno strumento in grado di aiutare la nostra vallata nella diagnosi e nella gestione dell’emergenza sanitaria Covid 19 e, a distanza di due mesi, sono sempre più convinta di questa necessità, visto che persistono ancora le stesse criticità nella prevenzione del fenomeno, senza alcun miglioramento. Ho scritto al direttore generale della Asl su quanto accaduto con il macchinario “VitaPCR Menarini” per avere risposte chiare sulla loro decisione di sospendere l’utilizzo dello strumento all’ospedale della Gruccia.  

Tutta la provincia di Arezzo utilizza il presidio del San Donato per le risposte sui tamponi, generando tempi di attesa lunghi per il grande numero di campioni da analizzare, incompatibili con la gestione della situazione, poiché una settimana di attesa per tutti i cittadini, ed in particolare, per gli operatori sanitari che sono tenuti a svolgere la loro attività lavorativa durante il periodo di attesa, hanno generato la diffusione del virus tra i colleghi di ospedali, distretti e Rsa, con percentuali tra l’80-90% dei casi positivi su Montevarchi e nel Valdarno. La comunità valdarnese si è attivata attraverso l’individuazione di un macchinario di qualità, per dare risposte in pochi minuti, con un contributo al Pronto Soccorso e alla valutazione dei pazienti da sottoporre ad intervento.

L'acquisto e la successiva donazione del primo macchinario all'ospedale della Gruccia sono avvenuti solo previa valutazione attenta da parte della stessa Asl, che dopo una settimana di studio, ci ha autorizzato formalmente a procedere e successivamente ci ha permesso un ulteriore ordine per un altro macchinario e i relativi reagenti fermi, per i quali avevamo avuto dalla stessa Asl l'autorizzazione per metterli a disposizione anche di ospiti e operatori delle nostre Rsa. La sottoscritta è venuta a conoscenza della sospensione dell'utilizzo del macchinario e poi della dichiarazione della Asl di "non idoneità" solo attraverso la stampa, senza una comunicazione ufficiale. La notizia ha generato reazioni nella popolazione che giustamente ha diritto ad avere spiegazioni precise e certe.

Chiediamo di sapere quale sia il problema: se la criticità è legata solo al macchinario donato dalla comunità montevarchina o se è un “difetto” di tutti i modelli “VitaPCR Menarini”. In tal caso, se in queste due settimane di sospensione del funzionamento del macchinario siano stati sospesi anche tutti gli altri 28 macchinari donati dalla Regione Toscana per altri ospedali e quelli acquistati dalla Asl. Alla luce anche delle dichiarazioni della casa produttrice Menarini sullo strumento “impiegato da più di 200 centri in Europa ed in Italia che lo hanno validato ricevendo anche parole di apprezzamento”, ho chiesto chiarezza  proprio alla Asl che prima ha autorizzato l'utilizzo dello strumento, per poi sospenderlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se la Asl non reputa più utilizzabile i macchinari Menarini, mi aspetto comunicazione formale e chiedo a questo punto che sia la stessa Asl a trovare una soluzione alternativa al problema, con un macchinario che permetta all’Ospedale della Gruccia, che ricordo la stessa Regione Toscana ha passato a struttura di Primo livello come il San Donato di Arezzo, di diventare autonomo per effettuare tamponi e con esiti rapidi, vista la situazione di forte criticità che si è generata in Valdarno rispetto a tutta la provincia, in un territorio sul quale non è stata mai presa alcuna misura specifica, né un protocollo sanitario di Prevenzione, né tantomeno la ricerca di una soluzione con risposte in tempi accettabili. Considerando le preziose settimane perse, confidiamo  in una risoluzione delle criticità in tempi brevissimi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento