MontevarchiNotizie

"Guasto all'ospedale: pazienti senza aria condizionata", l'affondo della Lega. La Asl: "Potenzieremo gli impianti"

Numerose le segnalazioni da parte di utenti dell'ospedale

Il consigliere regionale Marco Casucci (Lega) sollecita la Regione e la Asl ad intervenire nei reparti di medicina e al "Modica" da dove arrivano il maggior numero di segnalazioni e proteste

"Il caldo non aiuta ad affrontare la malattia, il caldo è un aggravante. Tante segnalazioni stanno arrivando dall'ospedale La Gruccia di Montevarchi, in particolare dal reparto di medicina e dal "Modica". Ci sono familiari che vorrebbero addirittura ritirare il proprio parente anziano per non vederlo soffrire anche per il caldo. Alcuni lavori per l'impianto di climatizzazione non sono stati ancora realizzati, si dice che sarebbero imminenti. Chiediamo chiarezza alla Regione e all'Asl: l'aria condizionata pesa sulla salute dei pazienti, perciò i lavori devono essere eseguitI con celerità. I malati non possono più aspettare".

La risposta della Asl

In relazione alla nota diffusa dal consigliere della Lega Marco Casucci, la Asl Toscana sud est precisa che all'ospedale del Valdarno i problemi legati ad alcuni guasti all'aria condizionata già sono stati risolti. I lavori sono terminati nei giorni scorsi e il gruppo di condizionamento che si era guastato è stato sostituito, per poter essere aggiustato. Tutte le macchine quindi funzionano regolarmente. Purtroppo le temperature esterne non aiutano. I motori dei gruppi di condizionamento, infatti, sono tarati da progetto per una temperatura esterna di massimo 35 gradi. L'ondata di caldo eccezionale, superiore ai 35 gradi, rende più difficoltoso il loro funzionamento. L'Azienda raccomanda di non aprire le finestre per permettere di ripristinare la temperatura ottimale e sta valutando il potenziamento degli impianti.

L'ulteriore replica di Casucci

L'Asl, con la sua risposta, ci fa sapere che sta valutando il potenziamento degli impianti di condizionamento all'ospedale La Gruccia. E' francamente grottesco venire a sapere che nel 2019 i motori dei gruppi di condizionamento siano tarati, da progetto, per una temperatura esterna di 35 gradi. E quindi in pratica i pazienti, di fronte all'ondata di caldo africano, possono soltanto sopportare e soffrire in silenzio -dichiara il Consigliere regionale Marco Casucci (Lega)– Fa sorridere poi l'Azienda quando raccomanda di non aprire le finestre per permettere di ripristinare la temperatura ottimale. Mi riservo di presentare un'interrogazione alla Regione Toscana per chiedere in quali condizioni siano gli impianti dei vari presidi sanitari dell'aretino .

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Io sto con Walter". Pioggia di adesioni, dopo Sofri arriva la solidarietà di Scanzi: "Tieni duro"

  • Schianto fra auto, sette feriti: bimbo di 4 anni gravissimo. Altri due bambini coinvolti

  • Lieve scossa di terremoto ad Arezzo: epicentro nella zona di Olmo

  • Schianto lungo la regionale 71: strada temporaneamente chiusa. Due feriti

  • Guida 2020 de L'Espresso: due ristoranti della provincia di Arezzo con il "cappello". Tutti i top della Toscana

  • Scossa di terremoto nell'Aretino: 2,7 gradi della scala Richter

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento