MontevarchiNotizie

Rubavano abiti nei negozi di mezza Toscana, fermati dalla Polizia. Banda sgominata

Tre persono sono state scoperte e identificate dagli agenti del commissariato di Montevarchi

Avevano messo a segno vari furti in alcuni centri commerciali della Toscana. Episodi che risalivano alla fine della scorsa estate, ma che solo e solo grazie ad un accurato lavoro investigativo dei poliziotti del Commissariato di Montevarchi hanno avuto il giusto epiologo, con l'individuazione dei ladri. A finire nei guai sono stati tre cittadini di origine peruviana che, secondo la ricostruzione degli inquirenti, si sono resi responsabili di una serie di furti consumati, in date diverse, nelle province di Arezzo, Siena e Lucca.

Il metodo adottato dalla banda era sempre lo stesso: si fingevano interessati all’acquisto, rovistavano cercavano, ma poi non compravano nulla e uscivano dal negozio. In realtà però si portavano via un ricco bottino.

I poliziotti di Montevarchi hanno rintracciato i tre dopo l’ennesimo furto al negozio Euronics di Montevarchi. Avevano con sé una borsa schermata con foglio di alluminio per “schermare” gli articoli prelevati dagli scaffali espositivi e un magnete per sbloccare le placche antitaccheggio, in modo da  oltrepassare le casse senza allarmare i dispositivi antitaccheggio. 

In particolare sono state trovate sette etichette in cartone di famosi marchi di abbigliamento ancora con il cordoncino attaccato. 

I tre non hanno saputo dire da dove provenisse tale materiale, ma i poliziotti,  tramite i codici a barre riportati sulle etichette, hanno preso contatto con i diversi rivenditori dei brand di abbigliamento dislocati in tutta la Toscana.

Nel corso di questo accertamento gli agenti hanno scoperto che i codici a barre trovati erano stati tolti da capi di abbigliamento appartenenti ad un negozio di Viareggio. Abiti che non erano più presenti sugli scaffali espositivi, pur non essendo stati venduti. Il bottino di un furto, dunque. 

Sempre grazie ad un accurato lavoro di indagine i poliziotti del Commissariato di Montevarchi hanno accertato inoltre che i tre peruviani avevano messo a segno altri colpo presso il punto vendita Euronics nel centro commerciale "I Gelsi" di Sinalunga.

I soggetti, con numerosi precedenti specifici per reati contro il patrimonio, erano già gravati dalla misura cautelare dell’obbligo di permanenza presso la loro abitazione solo nelle ore notturne ma, grazie alla segnalazione del Commissariato di Montevarchi, adesso avranno l'obbligo di dimora nel comune di residenza (in una provincia toscana) e dall’obbligo quotidiano di presentazione alla Polizia Giudiziaria. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai tre, inoltre, è stato notificato il provvedimento, emesso dal Questore di Arezzo ,di divieto di ritorno nel Comune di Montevarchi per la durata di 3 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Alla Chiassa non passa più nessuno". Punta la pistola in strada e si filma, ma arriva la Polizia: denunciato

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Covid-19: sette nuovi casi nell'Aretino di cui tre in città. Il bollettino della Asl

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

  • E' morta una maestra elementare contagiata da Coronavirus

  • Il messaggio ai suoi 500 dipendenti: "Riguardatevi, torneremo". E' la prima cassa integrazione della Lem in 46 anni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento