MontevarchiNotizie

Ordinanza anti bivacco a Montevarchi: divieto di sedersi in strada e no alle bevande d'asporto

L’inosservanza di queste diposizioni è punita con una multa fino a 500 euro

Il sindaco Chiassai Martini ha firmato ieri l’ordinanza “Per migliorare le condizioni di vivibilità nel centro urbano di Montevarchi”. Il divieto anti-bivacco resterà in vigore fino al prossimo 30 settembre prevedendo, nell'area tra Piazza Mazzini, Vittorio Veneto, zona stazione fino a via Pascoli, dalle ore 17.00 alle ore 6.00 il divieto di consumare alcolici nelle strade e nelle piazze, sdraiarsi sul suolo pubblico e sui monumenti. Inoltre, sempre nella stessa fascia oraria, per gli esercenti che si trovano in Piazza Vittorio Veneto, Piazza Mazzini, via Burzagli, nel tratto compreso tra Piazza V. Veneto e Donatori di Sangue, zona stazione, via Cataliotti, Via Dami e nella zona di via Pascoli, è vietato somministrare bevande alcoliche di qualunque genere da asporto, salvo che all’interno dei locali e nelle aree esterne autorizzate di pertinenza sempre dell’attività commerciale. L’inosservanza di queste diposizioni è punita con una multa fino a 500 euro.

Al termine del Lockdown, si è verificato un improvviso manifestarsi di fenomeni di inciviltà e segnalazioni di risse
per abuso di alcool che hanno provocato la ferma reazione del sindaco Silvia Chiassai Martini.
Un pugno duro della prima cittadina, da sempre in prima linea contro il degrado urbano, che ha richiesto un tavolo apposito in Prefettura insieme a tutte le Forze dell’Ordine provinciali, per studiate azioni mirate a  contrastare i fenomeni di inciviltà e l’abuso di alcool per strada al fine di tutelare l’incolumità dei residenti e dei commercianti che già si trovano a combattere per tentare una ripresa che è particolarmente faticosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa è solo una delle tante azioni che ho deciso di intraprendere per bloccare una situazione di inciviltà che, dopo il Covid, è come esplosa - commenta il Sindaco - tutte le Forze dell'Ordine del territorio da settimane sono impegnate, giorno e notte, in pattugliamenti e controlli serrati nelle zone più sensibili. Nel quartiere Giglio abbiamo provveduto a far smantellare una struttura, più volte segnalata per spaccio e consumo di stupefacenti. Ringrazio il grande impegno del Prefetto, del Questore, di tutti i vertici provinciali e territoriali delle Forze dell'Ordine per avere prontamente preso in carico la mia richiesta e quella della popolazione con l'impegno di  continuare, con azioni congiunte insieme alla nostra Polizia comunale, a presidiare la nostra città per ristabilire una situazione di civiltà che è dovuta ai nostri cittadini"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento